Inaugurato il 5 maggio 1991, il museo territoriale del lago di Bolsena è ospitato nella medievale Rocca Monaldeschi della Cervara. Il museo presenta la documentazione geologica, archeologica e naturalistica proveniente dal territorio di Bolsena e illustra le località di particolare interesse storico e archeologico presenti nel circondario lacustre.

All'ingresso del museo domina un grande sarcofago a vasca in marmo greco, decorato in rilievo con scene del culto di Bacco. Nel secondo atrio della Rocca è collocato il Lapidarium, con epigrafi di epoca romana. Nella sezione geologica sono esposti alcuni campioni di rocce, tra cui una grande "bomba vulcanica". L'età dei metalli
è testimoniata da reperti dell'età del bronzo e del ferro provenienti dai fondali lacustri, perfettamente conservati.

All'inizio dell'età etrusca appartengono una trentina di corredi funerari dalla necropoli della Capriola, ricchi di oggetti in bronzo e in ferro, mentre una tomba a camera dalla località Melona (con vasi argentati e a vernice nera) documenta la fine del periodo.

Le testimonianze relative alla città romana di Volsinii (gli scavi si trovano a 100 metri dal museo) sono costituite da ceramiche, lucerne, terrecotte architettoniche ed affreschi; in particolare si segnala il celebre "Trono delle Pantere" dedicato al culto di Bacco.

Nella sezione medievale sono ancora visibili i resti delle più antiche fortificazioni di Bolsena, accanto a una scelta delle ceramiche medievali e rinascimentali rinvenute nel "butto" della torre maggiore della Rocca.

La visita si conclude con la sezione naturalistica, dedicata alla vita che si svolge dentro e attorno al lago volsiniese. Un grande acquario d'acqua dolce, unico nel suo genere, inaugurato nel maggio del 2011, presenta i pesci, i crostacei, gli anfibi e i molluschi più caratteristici del lago di Bolsena e dei corsi d'acqua del circondario, immersi in uno scenario davvero suggestivo.